www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Martedi 23 Gennaio 2018

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Pino Pontuali
[22-06-2009, a  22:27]
Re: Costruttori di flauti di canna.
Ha ragione Pierfilippo. Si tratta di una "quenq" (si pronuncia chena). E' un flauto di canna indio della cordigliera delle Ande usato principalmente dal popolo Quechua (si pronuncia Checiua). Si suona soffiando sul bordo dove c'è quel piccolo incavo. Tutti i complessi di musica andina lo usano in accoppiata con il flauto di pan (quello che sembra un organo di canne) ed il charanco.

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up