www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Sabato 25 Novembre 2017

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Giancarlo
[09-12-2008, a  09:35]
Re: Costruttori di flauti di canna.
Sono daccordo.
Nozioni di tecnica esecutiva sono utili, anzi necessarie, anche per migliorare alcuni aspetti costruttivi.
Sapere "cosa e come" si deve fare per eseguire un pezzo, aiuta anche a "pensare e realizzare" lo strumento, per farlo nella maniera più agevole e comoda possibile.
Piccolo esempio: pezzi veloci, come quelli siciliani o abruzzesi-molisani, hanno bisogno di strumenti con fori vicini e leggermente "più grandi" di quelli campani o laziali.
Il tutto per ridurre il rischio di "errori", dovuto alla velocità ed alla necessità di chiudere i fori a metà.
(Questo esempio non è casuale, ma risponde ad una precisa domanda fattami da Alfonso.)
Saluti, Giancarlo.

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up