www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Domenica 5 Aprile 2020

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: barbara
[30-12-2011, a  22:25]
Re: Costruttori di organetti
Molto interessante la tua domanda Nicola.
Del mio primo organetto (ha circa 30 anni, e l'hai visto nella serata a Mazzano) non ho ancora capito a quale costruttore appartiene, visto che fuori c'è scritto "G. Soprani", e dentro, stampato sulle somiere, c'è scritto "Baffetti".
Tralasciando il mistero del costruttore, posso dirti che il tasto dei bassi dove in genere c'è l'accordo minore, inizialmente aveva un accordo maggiore (il mio è in SIb-MIb, quindi su quel tasto c'era il DOM in apertura e il SOLM in chiusura (entrambi in terza).
Visto che per quello che volevo suonare io avevo bisogno del'accordo minore su quel tasto, il buon Pontuali, preso da commozione profonda, ha fatto una bella "furbata"... sull'accordo del SOLM ha "zittito" la modale (la nota che stabilisce la tonalità maggiore o minore, in questo caso il SI) permettendomi di usare quel tasto dove attualmente si sentono il SOL ed il RE. In pratica ora quel tasto va bene sia suonando in maggiore che in minore.
Il tasto che invece a te manca, ma che io ho su questo organetto, è quello che da lo stesso accordo in apertura e chiusura.
Tutt'ora a me è rimasto il dubbio sull'utilità di un organetto su cui non ci sono accordi minori. Mi piacerebbe sapere che tipo di musiche si suonano su un organetto del genere, perché immagino che se in passato li costruivano così... un motivo c'era...
Ora siamo in due ad essere curiosi... aspettiamo gli esperti...
Un abbraccio.

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up