www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Sabato 26 Settembre 2020

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Marcello
[27-03-2007, a  19:52]
Re: quando una chitarra può dirsi battente ?
tutte le battenti che mi sono passate per le mani
hanno sempre avuto le corde attaccate ad un singolo supporto,
5 supporti dunque (De Bonis comprese).

dal punto di vista pratico sarebbe sicuramente meglio
se non fosse così, spesso capita di dover togliere una corda
che rimane "intrappolata" dall'altra.

dal punto di vista acustico, non credo che la cosa influisca più di tanto
in quanto entrambe le corde, se montate bene, comunque poggiano
separatamente sul fondo del piano armonico, vale a dire, non si toccano.

dal punto di vista estetico, creda sia meglio che abbiano un unico supporto
per conservare quella traiettoria convergente verso il fondo e non allinearsi
in modo quasi parallelo.

spero di essere stato chiaro.
baci
M.

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up