www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Sabato 26 Settembre 2020

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Alfonso
[26-03-2007, a  00:22]
Re: quando una chitarra può dirsi battente ?
stai stravolgendo tutte le mie convinzioni ! io credo che le battenti con il ponticello "sulla" spezzatura (ossia tra la spezzatura e lo zocchetto inferiore) siano la maggior parte, ma non so se questo sia un dato importante...

"in effetti posizionato dopo avvicinerebbe troppo le corde al piano armonico" ma questo per un liutaio non sarebbe un problema, basterebbe fare un ponticello un pò più alto,

i DeBonis che tu sappia come si sono comportati ? hanno qualche preferenza o hanno usato indifferentemente l'una e l'altra posizione ? Antonello Ricci tempo fa mi disse che per lui la posizione corretta è quella fra la psezzatura e lo zocchetto ma non ebbi l'opportunità di chiedergli su cosa basava questa convinzione, ne sai niente ?

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up