www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Sabato 26 Settembre 2020

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Mario
[21-03-2007, a  23:14]
Re: quando una chitarra può dirsi battente ?
Caro Alfonso
Temo che stiamo per per mettere piede su un campo minato:
a questo punto è lecito chiedersi che cosa intendiamo per tradizionale, o meglio per "riproposta".
Quando a Gianni Bosio gli fu chiesto di spiegare cosa fosse e come si sviluppasse il canto lirico monostrofico nel sud, disse con estrema lucidità e sintesi: "...provate a fissare un punto sull'acqua di un ruscello che scorre, ad un certo momento scomparirà alla vostra vista..."
La cultura orale, in quanto tale non è "storicamente identificabile" e allora, il "Mezzo" come tu dici, diventa il "Fine", per cui, essendo riproposizione pedissequa di cultura materiale diventa fatalmente protagonista, unico testimone di un mondo perduto.
E' ovvio che il mio è un discorso "estremo", ma serve a chiarire che chi si occupa di riproposizione del mondo contadino, di musica della tradizione, lo dovrebbe fare dall'esterno e a posteriori, prendendo coscienza del passato ma con lo sguardo rivolto al presente e quindi alla "sua" cultura.
Non è dunque importante il mezzo, è importante il fine culturale e, consentimi, politico della riproposta.
La chitarra potrà avere le corde che si vuole, lo scordino, da una parte meccaniche e dall'altra piroli, la tavola armonica in marmo di Carrara e via esagerando; l'importante è arrivare al cuore della gente che ascolta.

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up