www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Mercoledi 20 Novembre 2019

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: gianfranco preiti
[19-03-2007, a  12:45]
Re: quando una chitarra può dirsi battente ?
Aggiungo una possibile variante.
spezzatura del piano armonico
tastiera a livello
corde dello stesso calibro (non so se condividete ma il sol che vacilla è, a volte secondo i brani, bellissimo)
fondo bombato o no
accordatura rientrante
per il ponticello:
nel museo nazionale degli strumenti musicali di Roma le battenti non sono 3 come indicato in varie pubblicazioni, sono di più, penso circa una ventina (proverò ad essere più preciso in seguito).
Per un lavoro di ricerca sul mandolino romano (Gualzatta, Smorsone ecc.) abbiamo avuto la possibilità, con il maestro Carlo Cecconi, di fare una ricognizione delle stanze chiuse e degli armadi.
provo a darvi un'idea, penso che potete capire lo stato d'animo girando per quelle stanze.
una grande teca di vetro con dentro sei/sette mandoloni, moltissime chitarre ottocentesche, qualche (qualche) barocca, molti mandolini romani/milanesi/genovesi (sei cori), per Alessandro, diverse zampogne ma come potete immaginare cercavo una cosa in particolare: le battenti.
se facciamo una sorta di graduatoria probabilmente come numero se la battono i mandolini e le chitarre dell'ottocento ma dopo ci sono le battenti.
non sono tutte ultra lavorate, no, sono abbastanza spartane, la cosa più decorata in genere è la rosa,
arrivo ai ponticelli.
le battenti conservano il piano spezzato, l'attaccatura delle corde sullo zocchetto inferiore, diverse hanno più di 5 doppie ( cori tripli )per i ponticelli, anche in presenza di spezzatura del piano armonico risultano di piccole dimensioni (anche quelli per i cori tripli), lunghi lo spazio sufficiente per ospitare le corde e sono incollati. si incollati. non tutte ma diverse hanno questi piccoli ponti incollati.
personalmente preferisco il mobile (ci sono affezionato), ripeto una cosa già scritta, ho suonato una battente doppia di Vincenzo con il ponte incollato e la spezzatura mantenuta non era niente male.
l'altra osservazione è sul numero delle battenti, qualcuna verrà da fuori, ma penso che molte battenti siano proprio romane.
spero di poter essere più preciso in seguito
un caro saluto a tutti
g

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up