www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Mercoledi 20 Novembre 2019

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: stefano
[15-03-2007, a  17:31]
Re: quando una chitarra può dirsi battente ?
sicuramente, le osservazioni sollevate sono tutte giuste, non ci troviamo di fronte ad uno strumento tradizionale. non doveva essere così e non volevo fosse così.....però vorrei sottoporvi qualche domanda:

1)indipendentemente dall'uso del ponticello fisso che qualche volta ci scappa quanti ritengono che per esempio l'incatenatura ci debba essere?

2) effettivamente gradirei che qualcuno a questo punto spiegasse quali sono i canoni affinchè una chitarra possa essere considerata battente. o tentiamo di metterli assieme.

inizio io secondo me una battente non deve avere incatenatura.


volevo poi rispondere ad Alessandro: lungi da me qualsiasi forma di globalizzazione, chi mi conosce sa che spesso non mi fermo neanche sugli autogrill perchè ci trovo i prodotti del trentino quando sono in puglia (sono dell'idea forse un pò estremista che il prodotto vada anche gustato nel luogo di produzione).
sono un profondo sostenitore della tradizione. tento di rispettarla secondo i suoi canoni e non secondo i miei, ma credo pure che oggi ci troviamo in un mondo che evolve in forme e modi che spesso non mi piacciono, ma proprio forti di quelle tradiziozi possiamo viverci senza correre il rischio di globalizzarsi.
l'altra sera ho suonato con degli amici non suonavano musica popolare, mi hanno chiesto di fare un pezzo assieme ho preteso di suonare la battente non ho eseguito un la terzina sul triple feet to beet e non mi sono sentito globalizzato.....spero di non esserlo
abracci a tutti
Stefano

p.s. premetto che sul tasto 0 ho avuto dei problemi anche io
p.s. II Tommà e lo sai che ti voglio bene.....


Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up