www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Mercoledi 22 Novembre 2017

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Alfonso
[24-09-2007, a  23:11]
Re: evoluzione/tradizione nella costruzione della battente
per carità, dicevo recchie tanto per dire, specialmente dopo quei segni circolari che tolgono ogni dubbio in merito (a chi l'avesse), ma una cosa è certa: i buchi ci sono !

perchè ?

assodato che il sistema ipotizzato nel mio disegno è il più semplice (e difatti la maggior parte delle battenti con i buchi non presentano abrasioni ) hai idea di come sia comunque difficile realizzarlo ?

rimetto il disegno con qualche indispensabile aggiunta

{{img:-2079471538}}

per fare in modo che il sistema di girare il legnetto per avvicinare le fasce funzioni, oltre a tenere ben ferme e immobilizzate le fasce nei punti A e B, è necessario utilizzare delle sagome "C" che o devono essere fissate fermamente al piano di lavoro oppure devono essere unite a coppie fra di loro con una traversa, quindi in pratica si tratta di costruirte una forma in due sezioni,

e allora se si è in grado di costruire praticamente una forma in due sezioni si è anche in grado di costruire una controforma complementare in una o due sezioni e così si possono piegare le fasce avvicinando lentamente forma e controforma (basta fermarle esternamente con dei pesi, anche una pietra va bene) E SENZA LASCIARE BUCHI !

ed anchhe senza rischiare di spezzare la fascia già sottile 2 o 3 mm e pericolosamente indebolita dal buco praticato

sbaglio ?

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up