www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Mercoledi 22 Novembre 2017

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Alfonso
[04-04-2007, a  20:57]
Re: evoluzione/tradizione nella costruzione della battente
se riesco ci vengo volentieri, tienimi al corrente,

per quanto riguarda il ponticello personalmente non ho mai ritenuto necessario asportare del materiale lungo la linea di spezzatura della tavola armonica, nè sulle tavole di compensato nè su quelle di abete massello, e non so se i liutai lo fanno, ma questo non vuol dire che il tuo discorso sia sbagliato perchè penso che comunque in quel punto le fibre subiscano un trauma da compressione,

per quanto riguarda l'altezza del ponticello è ovvio, come dice Cecconi, che più è alto e più "strada" debbano fare le vibrazioni, quindi è giusto che sia meno alto possibile, anche se non so quanto la sua altezza possa influire sulla trasmissione delle vibrazioni, in effetti i ponticelli di alcuni altri strumenti sono altissimi..

per quanto riguarda la posizione mi è sempre sembrato naturale porre il ponticello fra la spezzatura e la zocchetta inferiore, mi sembra che in questo modo le corde premano con più forza sul ponticello, ma può essere solo un'impressione

per sapere quale sia la posizione migliore non è nemmeno possibile costruire due battenti uguali perchè occorrerebbe variare il diapason e quindi il suono non sarebbe comunque identico (ammesso che possa esserlo..), mentre se si costruissero due battenti dello stesso diapason cambierebbe la dimensione della cassa vanificando ugualmente il paragone..

per chiarire un pò quello che detto nel post precedente (che può sembrare un pò cervellotico) copincollo questo schema, che secondo me potrebbe essere il metodo più plausibile ed efficace usato per tenere nella posizione voluta le fasce, per quelle battenti che presentassero un unico foro per lato..

{{img:1049255574}}

caro Gianfranco, e termino non prima di avere messo altra carne al fuoco: stasera riguardando bene le foto di quella battente "americana" ho notato qualcosa che potrebbe essere proprio un foro ..nel punto più stretto su ognuna delle fasce..!

ps: dimenticavo, per "autocostruttori" volevo intendere coloro che eccezionalmente si costruiscono una battente da soli

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up