www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Giovedi 17 Ottobre 2019

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Marcello
[05-03-2007, a  00:58]
uso solistico della battente
caro AndreaP,
il riferimento è al tuo recentissimo intervento nel post "differenza tra chit battente e barocca",
ma siccome oramai l'argomento ha preso tutta un'altra piega, ho ritenuto opportuno
aprirne uno nuovo.
Parole sacrosante le tue, uno con la battente (e con qualsiasi altro
strumento del resto) fa quello che gli pare, non esiste una tecnica universale ecc. ecc.
però vorrei indicarti una distinzione che per me è fondamentale:
l'uso di uno strumento in modo solistico e come accompagnamento.
entrambi i casi presentano le loro difficoltà e problematiche e in entrambi i
casi è possibile far sfoggio della propria maestria ma soprattutto l'una cosa
non esclude l'altra.
ora ti prego, non tirarmi in ballo la tradizione, guai se questa diventa un limite!
fino agli anni '50 l'uso che si faceva della chitarra nel flamenco era esclusivamente
di accompagnamento, era impensabile un suo utilizzo al di fuori del
canto e del ballo. Poi è arrivato Ramon Montoya, Mario Escudero, Sabicas
che sono stati tra i primi a farne un uso solistico: la chitarra flamenca non era più
necessariamente legata al canto e al ballo, cominciava a diventare autonoma.
All'epoca questo significava qualcosa di sconvolgente.
Ora per quanto riguarda la chit battente, penso che l'aspetto solistico viene solitamente
trascurato dalla maggior parte dei suonatori, professionali e non.
questo vuol dire semplicemente evitare di sfruttare in misura maggiore le potenzialità di
questo strumento.
Mi piacerebbe ascoltare qualche brano solista eseguito da Zammarelli con la sua formidabile
tecnica, mi piacerebbe anche ascoltare qualche sua composizione per chitarra battente.
Dico sul serio, se esiste materiale a riguardo ti pregherei di inviarmelo.
Per il momento ti dico che il mio estremo apprezzamento va a coloro (solo per citarne alcuni, Davide Polizzotto,
Fabio Bagnato, Roberto Menonna) che faticosamente e coraggiosamente stanno tentando di
percorrere la difficile strada del solismo e della composizione per chitarra battente,
piuttosto che a colui che suona un 5 trentaduesimi terzinato con doppio avvolgimento, bendato e su una gamba sola,
se il suo apporto musicale si limita a questo.

cordialmente
M.


Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up